sabato 25 ottobre 2014

Venire a Te.

Venire a Te, che dovresti occupare la fine e il principio di tutti i miei pensieri, che dovresti essere per me il primo amore.
Venire a Te, per riconoscerti come sovrano sulla mia vita e sulle mie azioni.
Venire a Te, di cui sento la voce nella mia coscienza durante la giornata, ora chiaramente, ora confusamente; a te che mi sospingi a fare tale o tal'altra cosa; che mi suggerisci tale o tal'altra idea; che determini la mia condotta, che mi dirigi e mi parli e mi obblighi a volte ad andare dove non ne avevo intenzione.
Venire a te, anche quando tutto è confuso, quando la nebbia avvolge ogni cosa, sapendo che il sole al di sopra brilla incontrastato.
Venire a te, quando la nostra identità ci viene strappata, per riscoprirla nel tuo segreto dove nessuno può toccarla.
Venire a te, nella consapevolezza di questo giorno eterno, alla tua presenza, che mai finirà.

(Daniela)

4 commenti:

  1. Signore, lascia che io abbia fede sufficiente per venire a Te, cercare Te, Te solo desiderare. Amen.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Bellissima poesia Daniela.
    La conserverò per tornare a leggerla e rileggerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E brava la nostra Daniela.....!!!!

      EH ! EH ! EH ! EH ! EH !

      Elimina